Candor-Pulizie-Industriali-02
Candor-Pulizie-Industriali-01

PULIZIE INDUSTRIALI

Igienizzazione e sanificazione in azienda.

Lavorare in un ambiente sano e pulito migliora la produttività in ogni tipo di azienda.
CANDOR mette a disposizione delle aziende il proprio personale specializzato nelle pulizie industriali, con le migliori tecnologie utilizzate nel settore.
L’innovazione è parte della filosofia della nostra azienda di pulizie: ci occupiamo della pulizia degli ambienti da oltre quarant’anni, con la giusta attenzione e con continui aggiornamenti.
I prodotti cambiano così come le macchine e CANDOR ha sempre seguito i cambiamenti, dove ritenuto il caso, sia per la salute delle persone che per l’ambiente.

CANDOR si rivolge ad aziende private, banche, impianti sportivi, palestre e piscine per offrire a tutte queste attività un servizio sempre all’altezza delle aspettative.

Garantiamo la massima cura e precisione nella pulizia e sanificazione di uffici, sale riunioni e mense.
Nell’ambito delle pulizie industriali siamo in grado di mantenere igienizzate e pulite le aree produttive dove sono presenti i macchinari, ma anche i magazzini e gli spogliatoi frequentati dal personale.
CANDOR offre anche la programmazione di interventi di pulizia straordinari nelle strutture e nelle aree di produzione, come ad esempio: la pulizia specifica dei capannoni, la pulizia delle paratie di protezione e delle zone con particolari criticità ambientali come i laboratori o le isole automatiche di lavoro.
Il nostro servizio di pulizie industriali è progettato e calibrato in base alle vostre esigenze.
Siamo a disposizione per un preventivo gratuito e vi ricordiamo che, come riportato nel decreto “Cura Italia”, per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro si può ottenere un credito d’imposta, per il periodo 2020, nella misura del 50 per cento delle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro, fino ad un massimo di 20.000 euro. Il credito d’imposta è riconosciuto fino all’esaurimento dell’importo massimo di 50 milioni di euro per l’anno 2020.